bagno

Il posto più pericoloso è il bagno

Da un recente studio è emerso che il luogo più pericoloso della casa è il bagno. Il motivo è semplice, si verificano la maggior parte delle cadute che avvengono in casa. A essere colpiti maggiormente sono le donne e gli anziani.

Nello studio, infatti, si nota che il 10% degli adulti cade in bagno ed è costretto a dover andare al pronto soccorso e in alcuni casi addirittura a essere ricoverato all’ospedale.

Tra gli incidenti domestici che richiedono un intervento al pronto soccorso, il 46% è dovuto proprio a infortuni che avvengono in bagno.

Tra i motivi principali delle cadute c’è il pavimento scivoloso, e a essere maggiormente vittime di questo problema sono le donne e gli anziani. Con l’elevarsi dell’età il rischio aumenta. In particolare le donne rischiano di provocarsi più infortuni, perché rispetto agli uomini hanno meno forza muscolare e meno massa ossea.

 

Il presidente della Società italiana di gerontologia e geriatria Niccolò Marchionni A proposito delle cadute negli anziani in bagno ha fatto presente. “La “classica” caduta dell’anziano è quella notturna: ci si sveglia per andare in bagno e il calo di pressione che si verifica alzandosi in piedi fa perdere coscienza. A facilitare tutto ciò, la cattiva abitudine di molti di assumere regolarmente benzodiazepine per addormentarsi: nell’anziano rendono ancora più difficile mantenersi stabili in posizione eretta; perciò non andrebbero mai prese per più di due, tre settimane. Per ridurre il rischio di cadute, inoltre, bisogna mettere in sicurezza il bagno degli anziani: evitare i tappetini-trappola che si arrotolano e si piegano con facilità; sistemare una superficie antiscivolo nella vasca o sul piatto della doccia; utilissimi i maniglioni per aiutarsi nei movimenti, da mettere vicino al water e al bidet.

 

I rimedi giusti per prevenire ed evitare cadute impreviste e limitare gli incidenti domestici sono limitare l’uso di tappeti in bagno, tappetini nella doccia, ricorrere a maniglioni e a superfici antiscivolo e prestare attenzione ad allontanare dall’acqua tutto ciò che ha a che fare con l’elettricità.

Le conseguenze più frequenti per chi cade in bagno sono abrasioni, contusioni, slogature, distorsioni, fratture. A essere più pericolosi, fra i sanitari, sono la vasca, la doccia e il wc.

Per quanto riguarda il wc Linea Oceano ha la soluzione ideale: “AlzaWater“, che consente di utilizzare il wc in totale autonomia e sicurezza. Chiunque potrà recuperare la propria autonomia, sia fisica sia psicologica, senza più dipendere da qualcuno e in completa sicurezza. “AlzaWater” dispone di funzionalità semplici, che consentono di sedersi e alzarsi dal wc con grande tranquillità. I maniglioni ergonomici a controllo integrato possono essere regolati sia per l’altezza, che per l’inclinazione.

Alza Water Linea Oceano

I sanitari più “pericolosi” sono la vasca e la doccia, sanitari coinvolti in oltre due terzi delle cadute: il momento critico è l’uscita, perché con i piedi bagnati una scivolata sul pavimento è oltre tre volte più probabile rispetto a quando ci si appresta a lavarsi.

Per questo motivo LINEA OCEANO ha studiato e progettato una gamma di vasche con sportello per semplificare le azioni di entrata e uscita dalla doccia.

Tra le principali caratteristiche delle vasche vi è:

  • la SEDUTA A VISTA: Completamente a vista, incorporata, ampia e alta ben 53 cm.Permette di sedersi in vasca senza bisogno di entrarci; la persona da fuori si siede e ruota le gambe verso l’interno, come salire o scendere dall’auto. L’altezza permette di non fare fatica sia a sedersi che ad alzarsi, come su una sedia di casa; al disabile di passare direttamente, senza dislivelli, dalla sedia a rotelle alla seduta interna della vasca.
  • Le DIMENSIONE della PORTA: Possono variare da 70 a 85 cm di larghezza, secondo il modello, ottenendo un ampio, facile e sicuro passaggio di entrata e uscita dalla vasca.
  • L’INCLINAZIONE della SEDUTA: La particolare inclinazione impedisce di scivolare in avanticon conseguente pericolo e grande spavento (il non auspicabile scivolamento viene causato dall’inevitabile galleggiamento delle gambe al graduale riempimento della vasca).

Per gli over 85 è molto rischioso anche sedersi o alzarsi dal water: un incidente su due in prossimità del wc coinvolge proprio gli ultraottantacinquenni.

I dati ci dicono che in un terzo dei casi chi si fa male in bagno riporta contusioni o abrasioni, soprattutto alla testa; il 20% si guadagna una slogatura o una distorsione; il 17% una vera frattura.

 

Il bagno è una delle stanze dove avvengono più infortuni legati all’elettricità, ad ogni età e con una mortalità elevata, complice la presenza di acqua. «Per questo è bene che le prese elettriche siano lontane dall’acqua; la lavatrice sia ad almeno 60 centimetri dal bordo di vasca o doccia; le caldaie o gli scaldabagni distanti dalla doccia e mai sopra la vasca: il contatto con parti elettriche sotto tensione non deve essere possibile quando ci si lava»

 

In questo articolo abbiamo trattato solo un numero ridotto di incidenti ma come vi abbiamo detto sono tantissimi e coinvolgono oltre 3 milioni di persone ogni anno.

 

Linea Oceano vi invita a prestare massima attenzione, prudenze e specialmente se vi sono bambini o anziani non lasciarli solo in bagno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.