Agevolazioni fiscali disabili

Guida alle agevolazioni fiscali disabili: iva 4% e detrazioni fiscali

Agevolazioni fiscali disabili

La normativa fiscale mostra molta attenzione per le persone con disabilità e per i loro familiari. Esistono diverse agevolazioni fiscali disabili, che dipendono dal tipo di handicap e dal bene/servizio oggetto di agevolazione. Nella guida di oggi approfondiremo le agevolazioni fiscali per l’acquisto di ausili tecnici o informatici e la detrazione per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Tuttavia le agevolazioni fiscali per i diversamente abili riguardano, più in generale:

  • Figli a carico;
  • Veicoli;
  • Altri mezzi di ausilio, sussidi tecnici e informatici;
  • Abbattimento delle barriere architettoniche;
  • Spese sanitarie;
  • Assistenza personale.

Agevolazioni Iva per l’acquisto di ausili tecnici e informatici destinati ai disabili

Si applica l’aliquota Iva agevolata del 4%, anziché quella ordinaria del 22%, per l’acquisto di mezzi necessari all’accompagnamento, alla deambulazione e al sollevamento dei disabili. Sono soggetti ad Iva agevolata del 4%, per esempio:

  • Servoscala e altri mezzi simili, che permettono ai soggetti con ridotte capacità motorie il superamento di barriere architettoniche (tra questi, anche i nostri centaurus montascale) ;
  • Protesi e ausili per menomazioni permanenti;
  • Protesi dentarie, apparecchi di ortopedia e oculistica;
  • Apparecchi per facilitare l’audizione ai sordi;
  • Poltrone e veicoli simili, per inabili e minorati non deambulanti, anche con motore o altro meccanismo di propulsione;
  • Prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto aventi ad oggetto la realizzazione delle opere per il superamento o l’eliminazione delle barriere architettoniche.

Documentazione per agevolazioni fiscali disabili

Per fruire dell’aliquota ridotta il disabile deve consegnare al venditore, prima dell’acquisto, la seguente documentazione:

  • Specifica prescrizione rilasciata dal medico specialista dell’Asl di appartenenza, dalla quale risulti il collegamento funzionale tra la menomazione e il sussidio tecnico e informatico;
  • Certificato, rilasciato dalla competente Asl, attestante l’esistenza di una invalidità funzionale rientrante tra le quattro forme ammesse (motoria, visiva, uditiva o del linguaggio) e il carattere permanente della stessa.

La detrazione per l’eliminazione delle barriere architettoniche spettante ai disabili

Per gli interventi di ristrutturazione edilizia sugli immobili è possibile fruire di una detrazione Irpef pari al:

  • 50%, da calcolare su un importo massimo di 96.000 euro, se la spesa è sostenuta nel periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2017;
  • 36%, da calcolare su un importo massimo di 48.000 euro, per le spese effettuate dal 1° gennaio 2018.

Rientrano nella categoria degli interventi agevolati:

  • Quelli effettuati per l’eliminazione delle barriere architettoniche (per esempio, ascensori e montacarichi);
  • I lavori eseguiti per la realizzazione di strumenti che, attraverso la comunicazione, la robotica e ogni altro mezzo tecnologico, siano idonei a favorire la mobilità interna ed esterna delle persone portatrici di handicap grave, ai sensi dell’art. 3, comma 3, della legge n. 104 del 1992.

Limitazioni agevolazioni fiscali disabili

La detrazione non è fruibile contemporaneamente alla detrazione del 19% prevista per le spese sanitarie riguardanti i mezzi necessari al sollevamento del disabile. La detrazione è prevista solo per interventi sugli immobili effettuati per favorire la mobilità interna ed esterna del disabile.

Non si applica, invece, per il semplice acquisto di strumenti o beni mobili, anche se diretti a favorire la comunicazione e la mobilità del disabile.

Per esempio, non rientra nell’agevolazione l’acquisto di telefoni a viva voce, schermi a tocco, computer o tastiere espanse. Per questi beni, comunque, è già prevista la detrazione Irpef del 19%, in quanto rientranti nella categoria dei sussidi tecnici e informatici.

Tra gli interventi che danno diritto alla detrazione rientrano:

  • La realizzazione di un elevatore esterno all’abitazione;
  • La sostituzione di gradini con rampe, sia negli edifici che nelle singole unità immobiliari, se conforme alle prescrizioni tecniche previste dalla legge sull’abbattimento delle barriere architettoniche.

Consulta la guida alle agevolazioni fiscali per le persone con disabilità pubblicata dall’Agenzia delle Entrate aggiornata a Gennaio 2017.