Agevolazioni disabili 2018

Novità finanziaria e agevolazioni disabili 2018

Agevolazioni disabili 2018: quali novità per la Legge 104/92

Come noto, la legge 104/92 disciplina le agevolazioni fiscali per i soggetti portatori di handicap e riconosce molteplici vantaggi ai soggetti con disabilità e ai loro familiari. La finanziaria 2018, recentemente approvata al senato, segna qualche modifica e introduce delle novità in materia di agevolazioni disabili 2018. Grazie alle agevolazioni fiscali per i disabili 2018, è possibile rifare il bagno diversamente abili o permettersi un montacarichi per disabili risparmiando molti soldi.

Incentivi e agevolazioni disabili 2018: quali sono

La normativa aggiornata diffusa dall’Agenzia delle Entrate riconosce benefici e agevolazioni fiscali sia alle persone affette da disabilità che ai loro familiari. Prima tra tutte, la detrazione per figli a carico disabile. Le detrazioni irpef variano in funzione del reddito percepito durante il periodo di imposta e diminuiscono all’aumentare del reddito.

La legge di Bilancio 2018 ha introdotto delle variazioni per lo status di soggetto a carico. Il limite di reddito per essere considerati figli a carico, sale a 4.000 euro fino a 24 anni e poi a 2.840,51 euro dai 25 anni in su.

In caso di figlio disabile, la Legge 104/92 da diritto ad un’ulteriore detrazione di 400 euro. Le detrazioni figlio disabile diventano dunque:

  • 1220 euro per i figli di età inferiore a tre anni.
  • 950 euro per i figli di età superiore a tre anni.
  • 1620 euro per il figlio disabile inferiore a 3 anni riconosciuto tale ai sensi della legge n. 104 del 1992.
  • 1350 euro per il figlio disabile superiore a 3 anni riconosciuto tale ai sensi della legge n. 104 del 1992.
  • con più di tre figli a carico la detrazione aumenta di 200 € per ciascun figlio a partire dal primo

Legge 104 e agevolazioni disabili 2018: la detrazione per le barriere architettoniche

Tutte le spese sostenute per il soggetto disabile da parte propria o della propria famiglia beneficiano del bonus ristrutturazione del 50% e vengono calcolate su un importo massimo di 96 000 euro. Questa agevolazione per i soggetti disabili è valida su tutte le spese effettuate fino al 31 dicembre 2018. Cumulabile con questa agevolazione, inoltre, vi è quella dell’iva al 4% anziché al 22. Rientrano in questa circostanza le spese sostenute per:

  • ascensori;
  • montacarichi;
  • realizzazione di strumenti atti a favorire la mobilità interna ed esterna delle persone portatrici di handicap grave;
  • elevatore esterno all’abitazione;
  • sostituzione di gradini con rampe, sia negli edifici che nelle singole unità immobiliari sempre questi stessi interventi non siano configurarsi come interventi di manutenzione ordinaria o straordinaria.

Attenzione però: questa detrazione non può essere richiesta per le spese che rientrano nella detrazione al 19% a titolo di spese sanitarie per il sollevamento del disabile.

Per scoprire le altre agevolazioni per i soggetti disabili ti invitiamo a consultare la nostra guida sulle agevolazioni fiscali disabili aggiornata ad ottobre 2017.